di Valentina Salis , 11.05.2016

La pulizia delle mani è una delle prime regole per proteggersi in viaggio da batteri e virus. Ecco i nostri consigli per difendersi.

1. Evita di toccarti il viso

È possibile diminuire la trasmissione di virus o batteri mantenendo le mani lontano da occhi, naso e bocca. Queste parti sono infatti le zone umide del corpo dove i germi possono più facilmente prendere possesso e moltiplicarsi. Le banconote gestite dai clienti e venditori sembrano essere il principale strumento di trasmissione di germi in vacanza e per questo è fondamentale tenere le mani lontane dal viso e lavarle, quando è possibile, dopo aver fatto la spesa. Fare shopping in viaggio è uno dei momenti topici della vacanza: non ti chiediamo di rinunciarci, ma solo di fare attenzione. Portando un gel igienizzante mani, ridurrai la probabilità di chiedere aiuto all’assistenza medica della tua assicurazione viaggio.

2. Spazza via i germi

Portare con sè salviettine disinfettanti può essere una regola di buon senso. I servizi igienici aerei sono ad esempio un luogo decisamente pieno di germi: i piccoli lavandini e lo spazio ristretto rendono difficile una pulizia accurata delle mani. Se non hai salviettine a portata di mano, puoi sempre utilizzare un tovagliolo di carta per aprire i coperchi, girare il rubinetto e aprire la porta. Nei voli intercontinentali cuscini e coperte fornite dalla compagnia aerea possono alleviare la lunga durata del viaggio e rendere il tuo sonno più tranquillo. Ma attenzione: a meno che non siano sigillati in plastica, sono da evitare. Il telecomando del televisore è l’oggetto più cavalcato dai germi nelle stanze d’albergo. Anche qui meglio prevenire che curare: usare salviettine disinfettanti ti eviterà di chiamare l’assicurazione viaggio per richieste di assistenza sanitaria.

3. Rimani in hotel se non stai bene

Se il tour del giorno prima ti ha stancato a morte e non ti senti in forma, meglio che tu rimanga in albergo. Se esci, il rischio è di peggiorare la situazione dal momento che le difese immunitarie già deboli in partenza, possano indebolirsi ancora di più. Se sei raffreddato o influenzato faresti un gran favore ai tuoi compagni di viaggio a rimanere in hotel, diminuendo il rischio di diffondere i germi. Secondo alcune ricerche, è molto comune tra i viaggiatori, soffrire di raffreddamento fuori stagione che si manifesta anche con qualche linea di febbre e mal di gola. Se ti imbatti in un malanno da raffreddore e non vuoi proprio ricorrere al consiglio medico della tua assicurazione viaggio, puoi sempre affidarti alle proprietà antinfiammatorie di alcuni alimenti.

4. Scegli la dieta giusta

La saggezza popolare è sempre un valore da preservare. Per questo motivo, le tisane delle nostre nonne possono essere considerate patrimonio dell’umanità, specie se possono servire a difendersi da spiacevoli infezioni in vacanza. L’infuso di zenzero caldo può essere molto efficace contro il raffreddore se assunto più volte al giorno. Ricco di oli essenziali, lo zenzero è utilizzato come antinfiammatorio naturale calmando anche dolori nevralgici come mal di testa e mal di denti. Oltre allo zenzero, l’aglio è un efficace antisettico che uccide facilmente germi e batteri, combattendo specialmente le infezioni delle vie aeree. Per la gioia del tuo olfatto, mettere uno spicchio d’aglio in valigia non è certo ideale ma potrebbe proteggerti da fastidi evitabili.

5. Bevi tanta acqua

L’aria all’interno di un aereo è incredibilmente asciutta, con un tasso di umidità spesso al 10% o addirittura inferiore. La bassa umidità provoca secchezza alla tua pelle: questo permette ai germi di prosperare molto più facilmente. Per evitare che ciò accada, è necessario bere molta acqua da bottiglie accuratamente sigillate. L’acqua del rubinetto è purtroppo una delle cause principali delle intossicazioni alimentari in cui i turisti facilmente incorrono in vacanza. Per questo motivo è sempre raccomandabile usare acqua in bottiglia anche quando ci si lava i denti e quando si mangia frutta e verdura. Sciacquare la frutta con acqua sicura può infatti ridurre il rischio di infezioni, riducendo la probabilità di ingerire sostanze come additivi e pesticidi.

6. Porta uno spray nasale

Uno spray nasale può rendere davvero difficile la vita dei germi: con un passaggio nasale inumidito, sarà molto improbabile che i germi riescano a prosperare.

7. Evita il posto in corridoio in aereo

Anche se il sedile in corridoio offre uno spazio migliore a chi ha lunghe gambe, le statistiche dicono che la probabilità di contrarre virus per chi è seduto sul lato del corridoio è maggiore in quanto è più alta la possibilità di entrare in contatto con il resto dei passeggeri. Più elevata è infatti la percentuale di persone che tocca i sedili posizionati su questo lato durante il tragitto per i servizi igienici.

Se proprio non sei riuscito nell’impresa di evitare germi e batteri, c’è sempre l’assicurazione viaggio che ti aiuta in caso di difficoltà. Leggi di più su Cosa fare in caso di emergenza medica all’estero? Columbus risponde


← Fregature in viaggio: come evitarle?

10 luoghi di interesse a New York assolutamente da non perdere →