di Maria Novella Vitucci , 10.07.2015

Qual è il limite di velocità in Francia? È obbligatorio l’uso delle cinture in tutti i Paesi europei?


Automobilisti d’Italia: se state per partire per un viaggio itinerante in macchina all’estero, tenete d’occhio l’app della Commissione europea Going Abroad disponibile in 22 lingue per iPhone, iPad, Android di Google e telefoni Microsoft Windows. Lanciata nel 2013, l’app è stata pensata come strumento di assistenza in viaggio per ottenere informazioni sulla sicurezza stradale in maniera facile e veloce.
Dal sito https://ec.europa.eu/transport/road_safety/going_abroad/index_en.htm#, è possibile scegliere la propria destinazione finale e per ogni Paese vi è una scheda strutturata secondo alcune grandi aree tematiche:


limiti di velocità: descritti a seconda del tipo di veicolo (e comunque sempre di peso inferiore a 3,5 tonnellate) e a seconda del tipo di strada (urbana, extraurbana o autostrade), i limiti riflettono alcuni stereotipi culturali. La fama che i tedeschi siano un popolo spericolato è confermata dal limite consigliato di 130 km/h; mentre i norvegesi sembrano essere i più prudenti con limite fino a 100 km/h. Va da sé che qui non si tratta di scegliere fra l’impeto teutonico o la calma nordica, ma di rispettare le regole stradali per viaggiare in tutta sicurezza.


semafori: a meno che non siate daltonici, il linguaggio dei colori è uguale per tutti, indipendentemente dai Paesi. Oltre ai classici rosso, giallo e verde, ricordatevi che se vi è una luce gialla lampeggiante, significa che l’incrocio non è regolato da un semaforo e quindi bisogna procedere con cautela.


cinture di sicurezza: sono obbligatorie in tutti i Paesi europei, così come sono comuni le esenzioni per ragioni mediche. Un medico può dichiarare che non si è tenuti a utilizzare le cinture di sicurezza per motivi medici. In questo caso però occorre conservare il certificato a bordo e mostrarlo alla polizia in caso di controlli.


casco protettivo: in Olanda e in Danimarca, Paesi in cui l’uso della bicicletta è all’ordine del giorno, non è obbligatorio usare il casco per i ciclisti. Anche nel Regno Unito, il casco non è obbligatorio, ma fortemente raccomandato. Un consiglio suggerito dal governo inglese di fronte ai 22,988 incidenti e 80 morti accaduti negli ultimi 5 anni (per maggiori dettagli consulta l’articolo su https://www.bbc.co.uk/news/uk-england-london-31612253).


uso del cellulare: in Francia non è consentito l’uso di auricolari nè per le chiamate nè per ascoltare musica. Un incidente su dieci è causato in Francia dall’uso del telefono mentre si guida. Dal 1 luglio 2015, è prevista una multa di 135 Euro e 3 punti sulla patente per chi fa uso dell’auricolare al volante. Il divieto è valido anche per chi va in moto, scooter ed in bicicletta (fonte: www.ansa.it).


Altro: triangolo di emergenza e giubbotto riflettente sono gli accessori di sicurezza comuni a tutti i Paesi da tenere sempre in macchina. Solo alcune nazioni come la Francia e la Croazia, obbligano i guidatori a tenere sempre a portata di mano la cassetta di pronto soccorso in macchina.


GoingAbroad, tradotta in italiano “All’estero”, è un’applicazione gratuita ed oltre alle principali regole, contiene anche alcuni giochi divertenti per passeggeri ed automobilisti.


Se è vero che la tecnologia ha cambiato il modo di vedere le cose, allora con questa app sul tuo smartphone potresti guardare il mondo non più come prima. Che ne pensi? Aspettiamo i tuoi commenti sulla nostra pagina facebook.


Immagine da https://www.flickr.com/photos/joanet/


← Noi italiani viaggiatori illustri

Divertirsi nei parchi tematici...non solo Disneyland →