di Giovanna Lucchi , 04.06.2021

A Londra una giornata di sole è una vera festa, per questo l’estate la città si riempie di eventi all’aperto, nonostante non manchi qualche breve precipitazione.

Londra è una delle capitali mondiali della finanza, ma è anche una città piena d’arte e di storia, grazie ai tanti musei che anche i turisti possono visitare gratuitamente.

La capitale del Regno Unito però, ha un clima a dir poco pessimo, dovuto soprattutto all’umidità che raramente abbandona questa terra. Le belle giornate a Londra si può dire che siano rare, per questo l’estate diventa una delle stagione più belle per visitare questa terra.

Senza nulla togliere alle vie del centro con gli addobbi di Natale, la Londra estiva, seppur calda e non priva di umidità, presenta precipitazioni più sporadiche e meno intense. Poter visitare la città senza costantemente ombrello e impermeabile, rende la permanenza certamente più comoda.

Se state pensando di visitare Londra durante le vacanze estive, questa guida di viaggio fa per voi.

Il clima a Londra in Estate

In estate, nel periodo che va da giugno a settembre, la temperatura registrata a Londra si alza rispetto alla media annuale. Non capita spesso che si raggiungano temperature troppo elevate ma, in generale, è possibile godere del sole caldo dell’estate per almeno sei ore al giorno.

A luglio e agosto la minima si aggira intorno ai 14 °C, mentre la massima è di 23/24° C.

Giugno è invece un mese abbastanza ventilato, caratterizzato da massime di 21° C e da possibili perturbazioni.

Il pericolo di pioggia accompagna la città di Londra anche in estate, dove si registrano pioggerelline leggere circa ogni 3-4 giorni. In quei giorni la temperatura resta comunque costante, anche perché aumenta il livello di umidità nell’aria.

Può capitare che, soprattutto a luglio, arrivino a Londra ondate di caldo provenienti dalla Spagna. Le masse di aria calda portano ad un innalzamento consecutivo della temperatura, che può raggiungere anche i 28/32° C.

Leggi anche “Quando andare a Londra: clima, temperature e stagioni”.

A Londra piove sempre: è vero?

Il clima di Londra è fortemente influenzato dall’Oceano Atlantico: di conseguenza, risulta essere fresco, umido e solitamente piovoso.

Le perturbazioni interessano la città tutto l’anno, facendo in modo che il tempo sia spesso variabile, con schiarite e rovesci, piogge e qualche ora di sole.

Attualmente, si registra che la caduta di pioggia annuale a Londra raggiunga i 600 millimetri, un numero paradossalmente molto più piccolo rispetto a tante altre città.

Quindi, la concezione secondo cui “a Londra piove sempre” ha bisogno di una leggera modifica. Le piogge sono frequenti ma mai abbondanti, nella maggior parte dei casi si parla di piogge leggere o intermittenti, che non creano disagio agli abitanti.

L’estate è il periodo più libero dalle piogge in assoluto. Infatti, durante questo determinato periodo dell’anno, viene concessa mediamente una pausa di 3-4 giorni tra una perturbazione e l’altra.

Cosa fare a Londra in Estate?

Londra è una città romantica e malinconica, accompagnata dalla vita tranquilla dei Londinesi, al di là degli impegni lavorativi.

In estate, tutto acquista una nuova vita. Il grigio dell’inverno lascia il posto al sole, spingendo chiunque ad uscire di casa e godersi la giornata.

I parchi sono i primi luoghi da visitare e sperimentare. Una giornata di relax ad Hyde Park è il modo migliore per iniziare una piacevole vacanza nel Regno Unito circondati dagli abitanti locali.

Oppure, è possibile nuotare nel Serpentine, avventurandosi tra le sue acque e rinfrescandosi dal caldo estivo.

Ci sono poi alternative più “movimentate”, per chi è amante delle esperienze particolari.

Un esempio è costituito dal famoso Carnevale di Notting Hill, una manifestazione coloratissima che si tiene tra le strade del quartiere di Notting Hill per due giorni consecutivi, l’ultima domenica e lunedì di agosto.

Vanno poi aggiunti anche un’altra serie di interessanti eventi, che si tengono solo durante la stagione estiva.

Esposizione floreale Chelsea Flower Show

Il Chelsea Flower Show si è classificato come la più grande esposizione floreale della Gran Bretagna. Qui, artisti ed esperti fiorai hanno la possibilità di esporre al pubblico le proprie creazioni uniche.

Open Air Theatre a Regent's Park

L’Open Air Theatre, o teatro “all’aperto” (detto così perché privo di copertura), si trova a Westminster, all’interno del Regent’s Park di Londra.

D’estate, il teatro ospita divertenti rappresentazioni, che vale davvero la pena seguire.

BBC Proms

Attraverso l’espressione “The BBC Proms”, ci si riferisce ad una serie di concerti, che prendono vita a Londra durante gran parte della stagione estiva, ovvero otto settimane per l’esattezza.

Tutti i concerti si tengono nel Royal Albert Hall e vengono eseguiti da un'orchestra sinfonica.

Torneo di Wimbledon

Il torneo di Wimbledon è uno dei tornei di tennis più famosi al mondo. Gli appassionati di sport lo conosceranno sicuramente, soprattutto data la sua importanza internazionale.

La disputa dei match si tiene proprio a Londra, esattamente sei settimane prima dell’inizio di agosto.

Leggi anche:

Come vestirsi a Londra in Estate

Durante tutto l’anno, l’abbigliamento tipico Londinese è “stratificato”. Ciò significa che bisogna indossare più strati di vestiti, così da eliminare qualcosa in caso di troppo caldo, ed aggiungere qualcosa col freddo.

In estate conviene vestirsi leggeri, indossando pantaloncini e t-shirt a mezze maniche. Tuttavia, è sempre meglio portare con sé un maglioncino per la sera, quando il sole tramonta e le temperature scendono irrimediabilmente.

Se la giornata è particolarmente piovosa – caratteristica che sarà facile notare fin dalla mattina – conviene conservare nello zaino un impermeabile.

Trattandosi spesso di pioggerelle leggere e intermittenti, l’ombrello è quasi del tutto inutile. Con un buon impermeabile si risponde in modo adeguato alle necessità del tempo volubile di Londra.

Tags

Londra


← Cosa fare e cosa vedere a Oklahoma City, lungo la Route 66

Una fresca estate in montagna, al Bormio: cosa ti aspetta →