di Elettra Selvatico , 29.10.2018

La Thailandia è una delle mete turistiche migliori del mondo, in grado di attirare migliaia di persone sia da oriente che da occidente, anche a Capodanno. Questo perché, oltre ai tanti festeggiamenti, il 31 dicembre è uno dei periodi migliori in Thailandia dal punto di vista climatico, soprattutto sulle isole.
 
La Thailandia però è un paese grande e complesso, dove si incontrano culture e tradizioni diversi, tanto che il Capodanno qui si festeggia 3 volte in un anno.

In Thailandia è 3 volte capodanno


In Thailandia, in quasi tutto il paese, esistono tre diverse tradizioni per Capodanno: il Songkran Festival, il Capodanno cinese e il Capodanno secondo lo stile occidentale.
Si tratta di ricorrenze diverse che si festeggiano in periodi diversi, pertanto provvederemo a presentarvele separatamente.

Songkran Festival


Il Songkran Festival è una delle più importanti e famose feste della Thailandia, molto sentita dai residenti ma anche in grado di attirare moltissimi turisti da ogni parte del mondo.

Leggi anche “Le feste più belle del mondo da vedere almeno una volta nella vita”.

Il Songkran, chiamato anche Festival dell’acqua, si celebra ogni anno dal 13 al 15 aprile e, secondo la tradizione buddista, si tratta di un vero e proprio rito che ha come scopo la “Purificazione”.

Nonostante sia molto sentita, è inutile negare anche l’aspetto pratico e goliardico di tutto l’evento, che avviene durante il periodo più caldo e umido dell’anno. Il mese di aprile infatti presenta un clima veramente difficile, tanto da essere sconsigliato ai turisti, ma grazie a questa feste, sono in tanti a sfidare le temperature proibitive per parteciparvi.

Il festival altro non è che una gigantesca festa in strada dove ci si lancia gavettoni pieni d’acqua, molto utili per trovare sollievo dal caldo, ma bisogna anche fare attenzioni al caos generato da tutto l’evento.

Leggi anche “Songkran Festival: come si festeggia il capodanno thailandese”.

Capodanno cinese


Il Capodanno cinese è una ricorrenza conosciuta e celebrata in tutto il mondo, o almeno ovunque ci sia una comunità cinese. Si tratta della festa più importante della Cina, paragonabile al nostro Natale, dedicata non solo ai grandi festeggiamenti ma anche alla famiglia.

La data del capodanno cinese varia ogni anno, ma il periodo è sempre tra gennaio e febbraio, in concomitanza con la fine dell’anno lunare. Nonostante i festeggiamenti e la sua rilevanza sociale, i negozi in questo giorno sono aperti, un po’ come accade durante la vigilia di Natale. Sono previsti fuochi d’artificio, il rosso è il colore dominante e non mancano le sfilate tradizionali.

Leggi anche “Cosa devi sapere sul Capodanno Cinese”.

Il Capodanno occidentale


Essendo una delle più importanti mete turistiche nel mondo, anche per chi viene da occidente, la Thailandia non poteva non tenere in considerazione le nostre tradizioni, aggiungendo un ultimo Capodanno molto più simile al nostro.

Il clima


In generale, in Thailandia fa caldo praticamente tutto l’anno, e anche le precipitazioni sono abbastanza presenti, variando d’intensità non solo in base al periodo ma anche a seconda della zona. I mesi invernali, da gennaio, sono migliori per visitare il paese, soprattutto nel sud del paese, in quanto a nord fa un po’ più fresco.

Questo periodo è infatti considerato “Altissima stagione”, i prezzi dei voli sono più alti così come il soggiorno in hotel, ma i turisti sicuramente non mancano. La possibilità di passare un inverno al caldo, facendo il bagno nelle acque thailandesi, è una tentazione tropo forte.

Leggi anche “Thailandia quando andare: clima, temperature e stagioni”.

Dove festeggiare


In Thailandia certamente non mancano le località dove festeggiare il Capodanno, ma le migliori sono sicuramente Bangkok e Phuket. La prima è la più grande e importante città della Thailandia, paragonabile a Las Vegas, Los Angeles o Singapore, famosa per i suoi vizi e i suoi tanti divertimenti. Phuket è invece una delle più belle isole della Thailandia, insieme a Koh Phangan, Koh Samui, e molte altre, ma a Capodanno è qui che troverete il clima migliore.

Leggi anche “Thailandia: mare, isole e spiagge più belle”.

Capodanno a Bangkok 


Dal punto di vista climatico, e non solo, Bangkok è una delle località migliori dove recarsi a Capodanno. A dicembre infatti le piogge sono praticamente assenti, mentre le temperature medie si aggirano tra i 20 e i 30 gradi.

Il modo migliore per festeggiare il Capodanno è cenando in qualche bel ristorante per poi assistere ai fuochi d’artificio prima di fare l’alba partecipando ai tanti festeggiamenti. I più giovanni vorranno sicuramente recarsi in una delle tante discoteche della città, oppure potranno partecipare direttamente agli eventi lungo le strade e le piazze principali della città.

Leggi anche “14 cose da sapere prima di visitare Bangkok”.

Capodanno a Phuket


Phuket è un’altra delle migliori località thailandesi dove trascorrere la notte del 31 dicembre. Qui troverete un clima ideale, con massime intorno ai trenta gradi e minime che in genere non scendono sotto i 25. Le piogge sono molto scarse, tanto che in un mese non raggiungono i 100mm.

Il Capodanno a Phuket è sicuramente più tranquillo di Bangkok, qui infatti al posto delle strade troverete le spiagge, e al posto delle discoteche troverete dei fantastici beach party.

Assicurazione Viaggio per la Thailandia

In uno dei nostril articoli chiamato "Serve un’assicurazione sanitaria per viaggiare in Thailandia?" abbiamo fatto una classifica di quali possano essere i rischi sanitari in questo paese ed abbiamo scoperto che uno dei principali motivi è legato al cambio climatiche. Infatti, adattarsi ad un clima così tropicale può risultare difficoltoso e generare sbalzi di pressione inattesi. Un’assicurazione viaggio che preveda copertura per assistenza sanitaria e spese mediche potrebbe essere molto utile da stipulare prima di visitare un paese come la Thailandia. ​


← 12 Bellissime destinazioni per una vacanza ad aprile 2019

Midtown, Manhattan: la guida di viaggio | Travel Blog →