di Stefano Pucci , 07.09.2020

Seppur non sia tra le più conosciute capitali europee, Zagabria (Zagreb in croato) rientra indubbiamente tra quelle più affascinanti, ed è perfetta da visitare in tutte le stagioni. La capitale della Croazia, situata nel nord-ovest del paese, è un importante centro politico, commerciale e culturale: avvolta nello charme della vecchia Europa, con edifici dalla splendida architettura e strade costellate di caffè con tavolini all’aperto, Zagabria è da sempre un crocevia di popolazioni.

Questa vecchia signora, dall’animo giovanile, è permeata ancora oggi da un’atmosfera vivace e variopinta, che si riflette nei tanti musei, nelle gallerie d’arte contemporanea, ma anche negli innumerevoli eventi culturali, nei deliziosi mercatini natalizi e nell’ampia offerta di locali. Tra le tante attrazioni, Zagabria è celebre anche per i musei particolarmente insoliti e curiosi, che consentono a grandi e piccini di vivere esperienze entusiasmanti all’insegna della cultura e della scoperta.

Museo delle Relazioni Interrotte

Può la fine di una relazione d’amore essere qualcosa da racchiudere in un museo? A Zagabria questo è possibile grazie a uno dei più celebri, nostalgici e romantici musei della città, ovvero il Museo delle relazioni interrotte, dedicato alle storie d’amore terminate e agli oggetti simbolo di questi rapporti.

Nato da un’idea della produttrice cinematografica Olinka Vištica e dello scultore Dražen Grubišić, a seguito della fine della loro relazione durata quattro anni, questo museo sociologico raccoglie cimeli provenienti da tutto il mondo, in larga parte donati da ex amanti, tutti accompagnati da una breve descrizione con cui viene comunicato al visitatore il loro intimo significato.

Nel museo si trovano fotografie, lettere, messaggi, peluche, diari ma anche vestiario e oggetti particolari. Tutti simboli rappresentativi delle relazioni interrotte che in questo spazio rimangono protetti e preservati, nel loro aspetto materiale e immateriale. Dopo anni di esposizione itinerante e non permanente, il museo è stato finalmente aperto nell’ottobre 2010 e ha continuato a raccogliere popolarità e un flusso di turisti curiosi.

Il museo si divide in tre sezioni: "reperti materiali", "museo virtuale in rete" e "confessionale". I visitatori, oltre ad ammirare gli oggetti esposti, potranno anche condividere le proprie esperienze e testimonianze, caricando immagini e documenti, nonché registrare confessioni. Il museo è aperto tutta la settimana e anche gli amici a quattro zampe sono i benvenuti.

Museo delle Illusioni “Non crederete ai vostri occhi”

“Non crederete ai vostri occhi”, è questo lo slogan del Museo delle Illusioni (Muzej Iluzija), uno tra i più popolari della città di Zagabria. Si tratta di un luogo interattivo che è riduttivo definire come una semplice mostra: il museo, infatti, è capace di coinvolgere corpo e mente e di rendere protagonista dell’esposizione lo stesso visitatore. La visita conduce lungo un’esperienza che stimola la scoperta, mette in gioco la propria percezione, pone le cose in una diversa prospettiva, il tutto consentendo anche di scattare foto eccezionali.

Il Museo delle Illusioni, situato al centro di Zagabria, è perfetto da visitare in compagnia di amici o della propria famiglia. Tutti insieme potrete osservare da vicino le innumerevoli attrazioni capaci di ingannare occhi e mente, ognuna delle quali è accompagnata da un pannello esplicativo (anche in lingua italiana) che descrive l’illusione che si sta per scoprire. Tra le più apprezzate, la “sedia Beuchet” e la “camera di Ames”, che giocano con le prospettive, ma anche il “caleidoscopio”, tutti esperimenti che lasceranno sicuramente a bocca aperta.

Nikola Tesla Technical Museum

Il Museo tecnico di Zagabria, aperto nel 1954, è stato intitolato a Nikola Tesla a partire dal 2015. Oltre ad esporre opere del famoso inventore e ad omaggiare le sue più grandi scoperte, questa esposizione fornisce importanti approfondimenti in diversi settori scientifici, tecnologici e meccanici, tra cui quelli assai particolari dedicati alla trasformazione di energia, ai trasporti e al lavoro nelle miniere.

Si tratta di un vero e proprio paradiso della scienza e della tecnica, che raccoglie numerosi macchinari, equipaggiamenti e veicoli (oltre 6000 oggetti provenienti dalla Croazia e dall’estero) e che non manca di organizzare anche esposizioni didattiche e workshop. Al suo interno sono presenti anche un planetario, un apiario, una miniera (un modello lungo ben 300 metri) e la ricostruzione del laboratorio di Tesla, nonché una sezione dedicata ai più noti personaggi della scienza e della tecnica croata.

Museo di Arte Contemporanea di Zagabria (MSU)

Un tempio dell’arte contemporanea appena fuori dal centro della capitale croata: così si presenta il Museo di Arte Contemporanea di Zagabria, noto anche come MSU (Muzej Suvremene Umjetnosti), inaugurato nel 2010 nel quartiere di Novi Zagreg e ospitato nel meraviglioso edificio progettato dall’architetto Igor Franić. Nei suoi circa 17.000 metri quadrati, ospita una vasta collezione permanente, ma anche un bar ristorante, un laboratorio per bambini, un bookshop e una sala dedicata alle esibizioni temporanee che si susseguono una dietro l’altra. La collezione conta migliaia di opere di numerosi artisti, sia nazionali che stranieri, che coprono il periodo dalla metà del XX secolo ai giorni nostri, realizzate con varie tecniche (pittura, scultura, disegno, fotografia, video, ecc.) e collocate in ampi spazi espositivi.

Il museo è un luogo vivace di creazione e interazione, incontro di generazioni, e mira a incoraggiare e coltivare la comprensione dell’arte contemporanea. Per questo motivo, tutto l’anno, oltre alle mostre sono organizzate anche laboratori, proiezioni cinematografiche, spettacoli teatrali, concerti e incontri con artisti critici e curatori.

Tortureum - Museum of Torture

Gli animi più turbolenti, e i visitatori più curiosi e temerari, troveranno imperdibile una visita al Museo della Tortura di Zagabria (Tortureum). All’interno di questo piccolo e spettrale museo privato, inaugurato nel 2015 nel centro della città, è possibile ammirare oltre 70 diversi strumenti utilizzati per eseguire torture ed esecuzioni. Un viaggio suggestivo, ma soprattutto carico di riflessioni sull’uso della violenza nel corso della storia e ancora oggi presente nella società moderna, seppur in forme molto diverse.

Immersi in un’atmosfera tetra e claustrofobica, il visitatore potrà ammirare da vicino diversi strumenti di crudeltà, con spiegazioni e anche brevi video: tra i vari macchinari presenti all’interno del museo, si trovano una ghigliottina con il meccanismo di Berger, un Pendulum, la lama rotante che si abbassa lentamente, una Cremagliera o anche l’inquietante e brutale Vergine di Norimberga. Infine, in una minuscola e fredda cella sotterranea, i visitatori che lo desiderano potranno provare la sensazione di essere rinchiusi un intero minuto nell’oscurità completa.

Alla scoperta di Zagabria: le guide di viaggio

La Croazia è conosciuta soprattutto per le sue splendide spiagge, sia quelle isolate, sia quelle ricche di movida. Anche la capitale del Paese ha però molto da offrire, grazie ai tanti ristoranti, eventi musei e attrazioni in generale. Per saperne di più su questa intrigante capitale europea, potete leggere le nostre guide di viaggio:


← Vis (Lissa), Croazia: una tra le più belle isole della Croazia

Dove trovare il mare più bello in Croazia? | Travel Blog →