di Andrea Pepe , 05.10.2017

A circa 10km da Siem Reap troverete il sito archeologico di Angkor, la più importante attrazione della Cambogia e uno dei luoghi “assolutamente da vedere almeno una volta nella vita”. Si tratta di un sito veramente incredibile, difficile da descrivere (dovete vederlo per capire) e ricco di tesori.

Nel sito di Angkor potrete visitare le rovine di numerosi templi che testimoniano la storia e la cultura della Cambogia, ma prima di partire informatevi bene su come raggiungere Angkor, dove dormire, e quale tour operator contattare.

Per vedere tutti i templi di Angkor servono diversi giorni, ma se non avete tutto questo tempo, potete leggere la nostra guida di viaggio e scoprire quali sono i templi più belli e suggestivi di Angkor.

Angkor Wat

Angkor Wat è il simbolo della Cambogia, non per niente è presente anche sulla bandiera nazionale, ed è il più grande edificio religioso del mondo, alto oltre 40 metri e con una superficie di 2 milioni di metri quadrati. Si trova nel sito archeologico di Angkor, uno dei più importanti di tutto il Sud Est Asiatico, e ad oggi è meta ogni anno di migliaia di turisti. Grazie al suo ottimo stato di conservazione, durante la vostra visita avrete modo di ammirare da vicino una delle più importanti testimonianze dell’impero Khmer.

Quello che un tempo era il “Tempio della città” (questa la traduzione del nome), è oggi sicuramente l’attrazione principale di questo enorme sito archeologico, la più fotografata e sicuramente “Imperdibile”.

Bayon

Il Bayon, dopo Angkor Wat, è sicuramente il tempio più suggestivo di tutto il complesso. La caratteristica fondamentale del tempio, ciò che lo rende unico, sono le sue 37 torri e i bassorilievi che ritraggono dei volti che per alcuni hanno un aria un po’ inquietante. Su chi rappresentassero quei volti è tutt’ora aperto il dibattito, c’è chi dice Bodhisattva (essendo questo un tempio buddhista) ma c’è chi dice anche che (almeno in parte) rappresentassero il re Jayavarman VII (il tempio è stato edificato durante il suo regno). Molto probabilmente, anche questo resterà uno dei tanti misteri della Cambogia.

Pre Rup

Pre Rup è un definito “Tempio montagna”, in quanto è stato costruito con mattoni, pietra arenaria e laterite. Il tempio induista si ritiene che fosse il centro politico del regno durante il governo di Rajendravarman II, ma a causa del nome “Pre Rup” (girare il corpo), sono in molti a ritenere che fosse usato per le cerimonie funebri.

Il tempio montagna Pre Rup è un’opera di enorme pregio.

Pre Rup-Cambogia-templi

Ta Prohm

Ta Prohm è conosciuto come “Il Tempio nella Giungla”. Un nome suggestivo assolutamente all’altezza delle aspettative: non per niente infatti è uno dei più visitati. Il tempio, un monastero buddista costruito nel periodo di Jayavarman VII, segue lo stile del tempio di Bayon, ma con una particolarità tutta sua. Quando è stato “ritrovato” infatti, invece di essere liberato dalla giungla, si è deciso di lasciarlo parzialmente coperto, creando un effetto veramente suggestivo. Passeggiando nell’area infatti, in alcune zone, si è praticamente immersi nella giungla, e si possono osservare rami e piante che abbracciano le mura di Ta Prohm.

Ta Prohm-Cambogia-templi

Baphuon

Il Baphuon è un altro importante tempio situato ad Angkor Thom. Nato originariamente come tempio induista è stato utilizzato come “Tempio Stato” durante il regno di Udayadityavarman II. Il Baphuon è un tempio molto interessante, costruito su 5 rilievi e con bassorilievi molto interessanti.

La terrazza degli elefanti

La terrazza degli elefanti è un’altra delle attrazioni più suggestive di Angkor. Si tratta di una costruzione lunga circa 300 metri, che fungeva sia da recinto che da punto di osservazione, sulla quale sono stati scolpiti decine di elefanti.

terrazza degli elefanti-Angkor-Cambogia

La terrazza del re lebbroso

Si tratta di una importante ed interessante statua che si trova sempre nel sito di Angkor. La statua risale al tempo del re Jayavarman VII, è un reperto di pregevole fattura e la sua storia è avvolta nella leggenda. Il soprannome “Re Lebbroso” è dovuto alle condizioni della statua al momento del ritrovamento, ma anche alla convinzione di molti che il re Jayavarman VII sia morto di lebbra, e che questa statua, in un certo senso, voglia ricordare la sua storia.

terrazza del re lebbroso-Angkor-Cambogia-templi

Phnom Bakheng

Phnom Bakheng è stato un tempio importantissimo nel passato, e secondo gli studiosi, è stato sorpassato solo da Angkor Wat. Del passato splendore di Phnom Bakheng oggi rimane molto poco, ciononostante questo tempio induisti è uno dei più visitati di tutto il sito, grazie alla sua posizione privilegiata che lo pone su di una collina dalla quale è possibile scattare foto veramente eccezionali.

Preah Neak Pean

Preah Neak Pean è un tempio molto interessante e suggestivo, soprattutto grazie alla sua location: un’isola artificiale. Il nome del tempio significa “Il serpente intrecciato”, grazie alla statua del serpente Naga, ma nonostante il nome “inquietante”, una leggenda narra che il luogo abbia effetti benefici e curativi sui malati.

Assicurazione Viaggio per la Cambogia

Molti sono stati gli articoli pubblicati sul nostro blog dedicati all’importanza di viaggiare con un’assicurazione viaggio, soprattutto se si sceglie una meta così esotica come il Sud Est Asiatico. Condizioni climatiche molto diverse da quelle europee rappresentano ad esempio una delle maggiori cause di problemi di salute per chi va in vacanza in questa regione. L’esigenza di essere protetti da emergenze sanitarie non è l’unico motivo per cui acquistare una polizza viaggio. Nell’articolo 5 motivi per cui conviene fare un’assicurazione viaggio, spieghiamo quali possano essere ulteriori coperture offerte. Per saperne di più, clicca qui.

Immagine di copertina: tempio di Bayon

Tags

Cambogia


← Dove andare per il ponte dell'Immacolata (8 dicembre 2017)

Dove andare ad Halloween? →